Loading...

Sensazioni di Gusto




Piccoli racconti enogastronomici

BRIVIDI DORATI

 

Ci sono dei vini che la prima volta che li assaggi ti rimangono nel cuore, come quelle persone che a prescindere dagli anni che passano, quando le rivedi ti fanno sentire un brivido lungo la schiena.

Ed è quello che succede a me ogni volta che bevo la Ribolla Gialla Extreme di Renato Keber.

Ho avuto la fortuna di berla di nuovo un paio di sere fa, alla serata "Affinità e Affinamento - Dalla Carnia al Collio al Carso" organizzata dal mio amico Marco Volo, per Vino Cucina e Vonde in cantina a Zegla. Dove insieme ai vini, c'erano in degustazione anche le marmellate di Sara Devetak e i formaggi di Malga Alta Carnia. E in abbinamento ad un strepitoso Blu di capra c'era proprio la Ribolla 2009.

Direi un matrimonio perfetto, dove l'intensità del formaggio andava a braccetto con la struttura e la complessità del vino.

Eh si.. perchè già al colore si capiva che non era una comune Ribolla.. Oro zecchino con riflessi ramati e al naso una sensazione di frutta matura e fiori d'acacia. Ma era in bocca che dimostrava tutto il suo splendore. Penetrante, calda e avvolgente con una bellissima sapidità e una persistenza lunghissima.

Uno di quei vini che speri siano infiniti e che un po' ti secca dividere con altri. Perchè se è vero che il vino è condivisione, qualche volta è anche salutare essere egoisti.

 

RENATO KEBER - RIBOLLA GIALLA EXTREME 2009


Aggiungi Commento

Loading

Iscriviti alla newsletter


Lascia il tuo indirizzo di posta elettronica e verrai aggiornato sulle ultime novità e sui prossimi eventi

Iscriviti