Loading...

Sensazioni di Gusto




Piccoli racconti enogastronomici

IL PROFUMO DELLA FELICITA'

 

Ma se vi chiedessero di salvare un unica pietanza, voi cosa scegliereste? La mia risposta sarebbe sicuramente e inconfutabilmente pizza.

Chi mi conosce sa che è un mio punto debole, come lo champagne nel vino, così la pizza in cucina.

Una cosa a cui non so dire no. Anche a costo di a farmi una vagonata di kilometri per mangiare una buona pizza, e devo dire che il viaggio da casa fino ad Alano di Piave alla Pizzeria da Ezio è stato ripagato a pieno.

Le pizze di Denis Lovatel sono a dir poco fenomenali.

Fragranti, leggere e croccanti grazie alle 52 ore di lievitazione dell'impasto (che lui chiama crunch), in cui utilizza solo farine biologiche di grani antichi.

E grande cura nella scelta degli ingredienti delle farciture. Tutte materie prime di altissimo livello, alcune delle quali anche presidi slow-food.

La scelta è ampia, e per me e i miei commensali è stata anche molto ardua.

Alla fine abbiamo optato sulla Dop (bufala artigianale Dop di  Peastum e pomodorini del Piennolo), la Alici Saccaleva (olive taggiasche, insalata scarola e alici di Saccaleva), la Mora Romagnola (cuore di burrata di Andria e prosciutto cotto alla brace di "Mora Romagnola") e la Oxalis, pizza creata per il mese di maggio in collaborazione con Oiver Piras e Alessandra Del Favero, del ristorante Aga, 1 stella Michelin di San Vito di Cadore (pizza bianca con tartara di Fassona Piemontese,salsa Ponzu e ossalide).

Non saprei dirvi qual'era la più buona, so solo che se Denis Lovatel fosse più vicino a casa mia dovrei fare l'abbonamento.

E so anche che sarei molto più magra se non confondessi constantemente il profumo della pizza con quello della felicità.

 

PIZZERIA DA EZIO - DENIS LOVATEL - ALANO DI PIAVE (BL)


Aggiungi Commento

Loading

Iscriviti alla newsletter


Lascia il tuo indirizzo di posta elettronica e verrai aggiornato sulle ultime novità e sui prossimi eventi

Iscriviti