Loading...

Sensazioni di Gusto




Piccoli racconti enogastronomici

VINO TERAPIA

 

Fuori piove e l'umore oggi è come il tempo, uggioso.

L'unica cosa da fare per migliorare questa giornata è affidarsi al vino-terapeutico per eccellenza, lo champagne.

Come diceva Mme Bollinger, "Bevo champagne quando sono felice e anche quando sono triste. A volte lo bevo quando sono sola. Quando sono in compagnia lo considero obbligatorio. Giocherello con lui se non ho fame e lo bevo quando ne ho. Altrimenti non lo tocco mai, tranne quando ho sete".

Seguendo questa grande logica, decido di aprire il Blanc de Blanc extra brut di Ulysse Collin. E subito capisco che ho fatto bene. Il colore dorato richiama i raggi del sole e la varietà dei profumi mi porta con la mente a una giornata estiva, con i suoi fiori gialli e la frutta matura. Albicocche, nespole, pesche e un lieve aroma di brioche. In bocca dimostra tutta la sua complessità, avvolgente e strutturato, ma allo stesso tempo elegante e fine. Con una sapidità che porta a desiderarne ancora. La giornata rimane uggiosa, ma l'umore è decisamente migliorato.

 

Ulysse Collin - Blanc de Blancs Extra Brut 2007  deg. 29/09/2011


PAROLA D'ORDINE.. ELEGANZA

Merlot Contea Valter Sirk

Il merlot ConteA 2007 di Valter Sirk ha nell'eleganza la sua parola d'ordine.

Esce dopo sette anni e al naso rivela un'esplosione di piccoli frutti, con una balsamicità intensa che apre le narici; dove man mano che il vino si apre troviamo il pepe bianco, il tabacco dolce e la viola appassita. Ma è in bocca che rivela un'eleganza e una pulizia sorprendenti, caldo, invitante e rotondo, ma con una bellissima spalla acida che lo rende beverino nonostante i 14°. Prodotto nella zona slovena del Collio, dove la ponka gioca il ruolo primario, è ottenuto al 50% da viti che hanno più di 100 anni e dal restante 50% da cloni francesi. Un percorso in cantina lungo; 6 mesi in cemento, 4 anni in tonneau, 9 mesi di decantazione in acciaio e per finire, un anno di sosta in bottiglia. Un vino in cui il piacere finale vale l'attesa.

Valter Sirk - Merlot ConteA 2007

 

 


QUESTIONE DI BOTTI

QUESTIONE DI BOTTI

Un merlot, stesso vitigno e stessa vendemmia.

Due botti differenti.

Una di rovere americano costruita a Bordeaux, dove la fanno da padrone struttura ed opulenza, l'altra di rovere francese costruita in Borgogna, che da al vino finezza ed eleganza

Due stili.

Il primo un'aitante ragazza in jeans e maglietta, il secondo l'eleganza di un tubino nero con decolleté e filo di perle.

La capacità di dosare questi due stili, sia nelle donne che nel vino, in base alla necessità danno vita a un risultato vincente.

Quando il legno, e non solo, fa la differenza.


Iscriviti alla newsletter


Lascia il tuo indirizzo di posta elettronica e verrai aggiornato sulle ultime novità e sui prossimi eventi

Iscriviti